Quannu Moru : La vera storia della canzone e dell'autentica amicizia tra Rosa Balistreri Felice M.A. Liotti

Quannu Moru : La vera storia della canzone e dell'autentica amicizia tra Rosa Balistreri Felice M.A. Liotti

 

 

 

Quanno Moru di Rosa Balistreri... 

 

....una storia di autentica amicizia che desideriamo raccontarvi a dispetto di chi ha tentato di oscurare la Verità.... e desideriamo farlo oggi, 20 settembre 2017:

27° Anniversario della morte di Rosa

 

Liotti Felice Mario Antonio: "oggi , 27 anni fa , in questo momento , stavo piangendo la perdita della mia più grande amica ROSA che , senza chiedere nulla , mi ha dato il calore della sua amicizia e la gioia di starle accanto in tantissimi bei momenti, grazie ROSA da 27 anni la mia vita è tua ed oggi sono fiero di essere stato il vero artefice della tua rinascita perché tu non dovevi morire tu dovevi risorgere più forte di prima dove nessuno più potesse farti del male adesso posso dirti : arrivederci p.s. senza fretta" "... mi ero rammaricato del fatto che l'avevano tutti abbandonata , ecco perché le ho promesso , e mantenuto , che l'avrei fatta rivivere regalando i miei inediti registrati a casa mia nell' 87 . sono felice di averlo fatto perché, per oltre 7 anni , nessuno parlò più di Rosa . in quei sette anni c'erano solo figli di puttana , dopo rari e inediti ( i miei ) sono diventati tutti figli di Rosa"

"Dicembre 1989...da qualche mese non vedevo Rosa perché si era trasferita a Castelfiorentino. Mi arriva una sua telefonata con la quale mi dice, con la disperazione nella voce, che ha bisogno di aiuto e morale e materiale. Non ha soldi né lavoro e non sa come fare. Mi chiede di procurarle una serata qualsiasi, anche in una bettola, pur di risolvere quella crisi. Su due piedi non seppi rispondere, ma poi ricordai che avevo degli amici ristoratori romagnoli che ogni anno facevano il veglione di fine anno. Andai subito a proporre Rosa e , ascoltata una cassetta, ne furono entusiasti. Inutile parlare del successo ottenuto. In quel tempo trasmettevo da una radio di Tommaso Natale (Radio Veronica) ed invitai Rosa e gli amici a fare gli auguri al mondo. Eravamo i tanti: il titolare della radio Piero Azzara, io, mia moglie, Tanino Gaglio, Fifo Costanzo ed altri. Nel pieno dell'allegria ed il piacere di stare insieme, Rosa: "Zittivi tutti, v'ha ' ' aj' a cantari 'na cosa ch'un sapi nuddu: QUANNU MORU...."

Queste prime parole ci gelarono il sangue, ma lei continuò imperterrita fino alla fine. Erano circa le ore 23,00 di sera del primo giorno del 1990. Tornò a Castelfiorentino, ma circa sette mesi dopo fu colpita da un ictus e qualche giorno dopo ci lasciò tutti. Nella bara, prima che prendesse il volo per Firenze, le promisi che, vivo io, lei non sarebbe mai morta.

Avevo alcune canzoni registrate a casa mia e, col senno di poi, in un malaugurato incontro con Francesco Giunta (Cielo Zero) regalai tutto a lui. Io non ho mai avuto alcun compenso anche perché mi promise di elargire gratuitamente a tutti quel prezioso materiale. Nacque così "Rari e inediti". Non mi è mai interessato sapere se ci ha lucrato o no. So soltanto che ora, su youtube ha oscurato il mio nome.

Capite che ha fatto? Ha fatto in modo che non si sappia chi è il vero artefice della rinascita di Rosa: la più grande voce delle nostre tradizioni che in molti non hanno neanche visto ed io, insieme a Lillo Catania (autore delle più belle canzoni di Rosa) e qualche altro amico, non esistiamo. PERCHÉ "    -Liotti Felice Mario Antonio-

 

....e noi, invece, vogliamo permettere a tutti, di conoscere come sono andate veramente le cose e come, grazie ad un amico sincero e sensibile come Felice, l'immensa Rosa Balistreri resterà per sempre nella storia della musica, con quella sua voce unica ed irripetibile...... Stefania Mulè fondatrice di Associazione Culturale immaginARTE A te ROSA (tutti i diritti riservati © Felice Mario Antonio Liotti) Rosa , tu mi cantasti , - Quannu mòru....... 'nsignàti chiddu ca vi dissi - ....e tu muristi , e pàrsi ca cu' ttìa mòrsi tuttu lu munnu ca nni cantavi tu ! Lu munnu è duru d'aricchi , nun capisci 'nsignamenti ; nun capisci nènti ! è com'un sùrdu ch'un vòli sèntiri lu chiantu di li figghi : Jiddu camina cu' nn'avutru passu..... © Felice Mario Antonio Liotti

 

 

Quann’iu moru

 

Quann'iu moru nun mi diciti missa

V'arricurdati? Sugnu vostra amica.

Quann'iu moru purtatimillu un ciuri,

un ciuri ranni e russu comu lu sangu persu.

 

Quann'iu moru, cantati li me canti

'un li scurdati cantatili pi l'antri,

quann'iu moru pinzatimi ogni tantu,

ca pi sta terra 'ncruci murivu senza vuci.

 

Quann'iu moru faciti ca nun moru,

diciti a tutti chiddru ca vi dissi,

quann'iu moru 'un vi sintiti suli,

ca suli nun vi lassu mancu d'intra lu fossu.

 

Quannnu sintiti sunari 'na chitarra

'na vuci forti, la mia ca vi canta

vi canta e dici ca sugnu 'mmenzu l'amici

cumpagni nni la vita, compagni nni la morti.

 

Due parole su Felice Mario Antonio Liotti

 Felice, artista poliedrico pittore poeta ricercatore, che è stato un grande

 amico di Rosa, insieme a sua moglie ebbero spesso Rosa ospite a casa loro   

 (possiamo dire che ella vi abitò). Ecco perché ebbe l'occasione di ritrarla

 "casa-casa" così come la vediamo in un disegno nel video.

 

 

 

  

 

 

 

 

 

 

 

 

FONTE:https://books.google.it/books?id=XjvhAgAAQBAJ&pg=PA475&lpg=PA475&dq=Felice+Mario+Antonio+Liotti&source=bl&ots=FAwz8FPLOA&sig=9mM3y0mXNuO0a8Mjt3htWoxX0OE&hl=it&sa=X&ved=0ahUKEwjQ-6bqsbbWAhXLK8AKHXPlCS84ChDoAQhRMAY#v=onepage&q=Felice%20Mario%20Antonio%20Liotti&f=false

 

Rosa cantu e cantu

La canzone "Rosa cantu e cantu" è stata composta da Rosa Balistreri con Bernardino Giuliano, (San Cataldo, 17 aprile 1935 -- San Cataldo, 29 marzo 1999) poeta e attore drammatico siciliano, interprete tra i più noti di poesia in lingua siciliana, nonché esperto conoscitore della cultura storico-popolare del territorio nisseno. Grande amico di Leonardo Sciascia, Ignazio Buttitta, Renato Guttuso, Nonò Salomone, Ciccio Busacca, Vittorio Gassman, Salvatore Quasimodo, Rosa Balistreri.
E' una delle più belle canzoni del repertorio di Rosa Balistreri. In questa canzone c'è condensata la sua storia umana di sofferenza, lacrime e fame, la storia di tutti i lavoratori dei campi e delle miniere, delle sopraffazioni dei padroni, ma è anche la storia di chi non ci sta ad essere sfruttato e dimentica il dolore ed allora apre i pugni per conquistare la sua dignità, per "spaccare" con questi anche i "cieli" con lo scopo di far "piovere amore"
Insieme alla canzone "Quannu iu moru" è il testamento lasciatoci da Rosa.
Vi sono molte interpretazioni di questa canzone da parte della Balistreri perchè la cantava ad ogni concerto che effettuava essendo il compendio della sua vita vissuta.
Una in particolare è stata registrata in casa di Felice Mario Antonio Liotti con il musicista Agostino Comito.
Nicolò La Perna

 

 

ROSA CANTA E CUNTA
(Lillo Catania)


Stasira vaiu e curru cu lu ventu
a grapiri li porti di la storia.
Stasira vogliu dari p’un mumentu
la vita a lu passatu e a la memoria,
stasira cu la vampa di l’amuri
scavu na fossa, na fossa a lu duluri.
C’è chiù duluri, c’è chiù turmentu
ca gioia e amuri pi l’umanità
nun è lu chiantu ca cancia lu distinu
nun è lu scantu ca ferma lu caminu,
grapu li pugna, cuntu li dita
restu cu sugnu, scurru la vita.
Cantu e cuntu, cuntu e cantu
pi nun perdiri lu cuntu.
Nuddu binidicì lu me caminu
mancu la manu nica d’un parrinu
e vaiu ancora comu va lu ventu,
circari paci sulu p’un mumentu.
Voglio spaccari, spaccari li cieli
pi fari chioviri, chioviri amuri.
C’è cu t’inganna c’è cu cumanna
e cu ‘n silenziu mutu sinni sta,
è lu putiri ca ‘nforza li putenti
è lu silenziu c’ammazza l’innuccenti
grapu li pugna, cuntu li dita
restu cu sugnu scurru la vita
Cantu e cuntu, cuntu e cantu
pi nun perdiri lu cuntu.
Vinni a stu munnu quannu lu voscienza
si schifiava pi li strati strati,
tempi d’abusi di fami e di guerra
criscivu ‘nmmenzu di li malandati.
Lacrimi muti ni chiancivu, e quanti!
la me nnuccenza si la sparteru in tanti:
la malagenti, li priputenti
tanti, su tanti ni sta sucità
nun è l’amuri ca crisci ad ogni banna
ma lu favuri ca sparti cu cumanna
grapu li pugna, cuntu li dita,
restu cu sugnu, scurru la vita
Cantu e cuntu, cuntu e cantu
pi nun perdiri lu cuntu

 

 

ROSA CANTA E RACCONTA

 


Stasera vado e corro col vento
ad aprire le porte della storia,
stasera voglio dare per un momento
vita al passato e alla memoria,
stasera col fuoco dell’amore
scavo una fossa, una fossa al dolore.
C’è più dolore c’e più tormento
che gioia e amore per l’umanità,
non è il pianto che cambia il destino,
non è la paura che ferma il cammino,
apro i pugni, conto le dita,
resto chi sono, trascorro la vita.
Canto e racconto, racconto e canto,
per non perdere il conto
Nessuno ha benedetto il mio cammino,
neanche la mano piccola di un prete,
e vado ancora come il vento,
cercando pace solo per un momento.
Voglio spaccare i cieli
per far piovere, piovere amore.
C’è chi t’inganna, c’è chi comanda
e chi in silenzio muto se ne sta,
è il potere che rafforza i potenti,
è il silenzio che ammazza gli innocenti!
Apro i pugni, conto le dita,
resto chi sono, passo la vita.
Canto e conto, racconto e canto,
per non perdere il conto.
Sono venuta almondo
quando il saluto “voscenza”
veniva abusato per le strade,
tempi di abusi, di fame e di guerra,
sono cresciuta in mezzo alla povera gente.
Lacrime mute ne ho piante, e quante,
la mia innocenza se la sono spartita in tanti:
I cattivi, i prepotenti,
tanti proprio tanti in questa società,
non è l’amore che cresce da ogni parte,
ma il favore che divide chi comanda!
Apro i pugni, conto le dita,
resto chi sono, trascorro la vita!
Canto e conto, racconto e canto,
per non perdere il conto.

 

 

QUESTO filmato della canzone di Rosa "Cantu e cantu", la cui ripresa è di Mario Lonero, è stata composta da Rosa con Bernardino Giuliano.
La particolarità di questo video è che Rosa Balistreri è al finire della sua carriera, un anno prima di morire, 1989. Rosa, è molto anziana, ma la sua voce è sempre riconoscibile per la sua potenza e sublime interpretazione. E' il periodo in cui l'artista accetta qualsiasi piazza pur di lavorare (è il periodo in cui la musica popolare è in declino e scarseggiano inviti per concerti o piazze. Alcuni amici di Sortino la invitano a cantare e lei insieme a Pippo Russo alla chitarra, ripercorre le più belle canzoni del suo repertorio. La registrazione di questo filmato è stata tenuta sotto forma di Cassetta Video conservata dentro un cassetto per circa 20 anni.
E' tra le più belle canzoni del repertorio di Rosa Balistreri. In questa canzone c'è condensata la sua storia umana di sofferenza, lacrime e fame, la storia di tutti i lavoratori dei campi e delle miniere, delle sopraffazioni dei padroni, ma è anche la storia di chi non ci sta ad essere sfruttato e dimentica il dolore ed allora apre i pugni per conquistare la sua dignità, per "spaccare" con questi anche i "cieli" con lo scopo di far "piovere amore"

;